headerimg4.jpg

Seguici su

Ma che bella Polena!

Il termine polena deriva dalla parola francese poulaine che significa rostro. Nell’Ottocento si ha un vero fiorire delle decorazioni delle prore delle navi. Allora le polene avevano un significato particolare, venivano realizzate da abili intagliatori e spesso erano dorate o dipinte. Le polene erano in prevalenza rappresentazioni di spaventosi mostri marini che dovevano guadagnarsi il favore della divinita' non sempre ben disposta, oppure domarla, spaventarla e scacciarla. Simili polene ornavano le prore delle imbarcazioni di diversi tipi di navi da guerra e da trasporto, di navi pirate nonché di piccoli e grandi imbarcazioni da pesca. Spesso rappresentavano e illustravano il nome della nave oppure avevano la forma di stemma, arma o altro oggetto che richiamava la destinazione d’uso della nave stessa, del suo nome o di quello del proprietario. Le polene erano normalmente il riflesso della fantasia e indicavano le caratteristiche dell’imbarcazione e le credenze religiose o la superstizione dell’equipaggio. I marinai, infatti, erano convinti che la polena sulla prora li avrebbe difesi da sciagure naturali, dal maltempo, dalla correnti marine, ma anche da ignote forze soprannaturali delle quali avevano un sacro timore. Erano i marinai che si prendevano cura delle polene in quanto una scultura danneggiata portava sfortuna a tutto l’equipaggio, peretanto facevano a gara per ridipingere o restaurare la Polena che le intemperie avevano deteriorato e ciascuno voleva primeggiare nell’abilità del restauro magari personalizzando un poco l’operazione.