headerimg1.jpg

Seguici su

Tanoressia? Ma che sindrome è?

Sono oltre 11 milioni gli italiani dipendenti dall’abbronzatura. La tanoressia, o sindrome compulsiva da sole, è ormai una patologia emergente che rientra fra le dispercezioni corporee. E per curarla è necessario ricorrere a una nuova scienza, la «neurodermatologia e quindi alla somministrazione di farmaci» per i disturbi dell’umore. A soffrire in modo preoccupante di questo disturbo è il 20% degli italiani, in particolare donne. «Molte persone  hanno un bisogno ossessivo di apparire sempre abbronzate e se ciò non accade entrano in ansia e non si sentono sicure di sè. Il tono dell’umore, l’autostima e il senso di benessere è quindi direttamente proporzionale al livello di abbronzatura». Secondo gli esperti, «questo disturbo si fonda su un senso di insicurezza del sè corporeo per cui le persone non si vedono mai abbastanza abbronzate. I tanoressici hanno dimostrato un basso livello di attenzione nei confronti dei pericoli che la loro dipendenza può provocare. In pratica preferiscono avere qualche ruga in più e rischiare la comparsa di tumori della pelle, ma non rinunciare ad avere un aspetto abbronzato». I tanoressici, si possono curare. La somministrazione di farmaci serotoninergici, comunemente utilizzati per la cura di depressione o attacchi di panico, potrebbe riuscire a controllare questa dipendenza.

 

Fonte ( MilanoFinanza).